Assonautica Romana partecipa alla V Conferenza di Sistema indetta da Assonautica Italiana il 13 e 14 dicembre a Roma e Ostia

Portualità, demanio, turismo e nautica i temi del workshop

La V Conferenza di Sistema di Assonautica Italiana a Roma e a Ostia si terrà il 13 e 14 dicembre, nelle sedi di Unioncamere a Roma e presso il Club Nautico del Porto Turistico di Ostia.

Le due giornate vedranno le assonautiche territoriali, convocate dal presidente nazionale Alfredo Malcarne, impegnate nel workshop in programma con le presentazioni dei progetti avviati in collaborazione con altri enti, associazioni e fondazioni.

Molti i temi trattati, tra i quali quello normativo sugli ambiti di nautica e turismo, portualità e demanio, a quelli del nuovo Centro Studi di Assonautica “Gianfranco Pontel” che spaziano dalle ricerche, studi e statistiche alla formazione mestieri del mare e alla blue economy, con le varie iniziative già avviate sulla tutela ambientale e il problema della plastica nei mari.

Un tavolo di lavoro mirato sulla mobilità acquea sostenibile, ricordando che Assonautica Italiana è stata scelta dalle aziende di nautica elettrica come punto di riferimento per lo sviluppo del settore, vista anche la lunga esperienza maturata in una città come Venezia, al workshop riservato alle sezioni estere di Assonautica.

Ad introdurre gli interventi di sabato mattina a Ostia saranno presenti: Silvana Denicolò, assessore Cultura, Sport, Politiche Giovanili e Grandi Eventi del X Municipio, Pasquale Ciacciarelli, presidente V Commissione Cultura, spettacolo, Sport e Turismo Regione Lazio, Esterino Montino, sindaco di Fiumicino, Antonio D’Amore, comandante della Capitaneria di Porto di Roma, Stefano Cavallari, amministratore Servizi Porto Turistico di Roma, Fabio Massimo Frattale Mascioli, Direttore del POMOS per la Mobilità Sostenibile della Sapienza, Alfredo Malcarne, Presidente Assonautica Italiana, Cesare Pambianchi, presidente Assonautica Romana, Piero Orlando, presidente Assonautica Acque Interne Lazio e Tevere.

Economia del Mare, presentato l’VIII Rapporto Nazionale. Liguria prima regione davanti a Sardegna e Lazio

Le imprese iscritte, al 31 dicembre 2018, nei Registri delle Imprese delle Camere di commercio italiane e operanti nell’economia del mare, sono oltre 199mila, pari al 3,3% del totale delle imprese nel Paese. Se si riduce il campo di osservazione ai soli comuni costieri, le quasi 175mila imprese dell’economia del mare rappresentano il 9,5% del sistema imprenditoriale.

Sono i dati contenuti nel VIII rapporto nazionale sull’economia del mare e nel III rapporto sul Lazio, realizzati da SiCamera – Union Camere Nazionali per la Camera di Commercio di Latina diffusi nella giornata inaugurale della 5° Giornata Nazionale sull’Economia del Mare, la rassegna sulla blue economy organizzata dalla Camera di Commercio di Latina dall’Azienda Speciale dell’Economia del Mare, in collaborazione con Unioncamere Nazionale e Unioncamere Lazio, in programma a Formia Gaeta fino a domani 26 ottobre.

Il settore in cui si concentra il gruppo più numeroso di imprese della blue economy è quello dei servizi di alloggio e ristorazione, strettamente legato al turismo, cui afferisce il 44,5% del totale delle imprese (quasi 89mila). Il secondo settore per incidenza percentuale è quello della filiera ittica, che va dalla pesca alla vendita al consumatore (“dal mare alla tavola”), che si attesta al 16,8%, con un numero di imprese pari a 33.549 unità.

Altri due settori che hanno un peso percentuale superiore al 10%, sono quello delle attività sportive e ricreative (15,2%) e la filiera della cantieristica navale (13,6%). Seguono a distanza, per numerosità di imprese, la movimentazione marittima di merci e persone, definito anche come “trasporti marittimi” (5,7%), le attività di ricerca, regolamentazione e tutela ambientale (3,8%) e l’industria delle estrazioni marine, con meno di 500 aziende.

Tra le regioni italiane, si conferma al primo posto la Liguria, regione in cui l’economia del mare mostra il peso maggiore sul tessuto imprenditoriale regionale, pari al 9,4% sul totale delle imprese. Seguono poi altre due regioni che superano la soglia del 5%: la Sardegna (6,0%) e il Lazio (5,5%). La stessa soglia viene appena raggiunta in Sicilia, mentre realtà come la Calabria (4,6%), le Marche (4,5%) e la Campania (4,1%), mostrano incidenze superiori al 4%. Il Friuli-Venezia Giulia è invece l’unica regione del settentrione con una quota di imprese dell’economia del mare superiore alla media nazionale: il 3,6% contro il 3,3%.

“La presentazione del rapporto sull’Economia del Mare è ormai diventata un appuntamento fisso, atteso dagli stakeholders istituzionali e anche soprattutto dei privati e imprese e associazioni, sia datoriali che di lavoratori – ha detto Mauro Zappia, Commissario Straordinario CCIAA Latina – Il Lazio è la terza regione dopo la Liguria e dopo la Sardegna per valore aggiunto prodotto e per lavoratori occupati. Nella filiera dell’economia del mare, molta importanza la riveste il turismo, quindi settore alberghiero e ristorazione di costa”.

Alessandro Rinaldi, Si Camera – Union Camere Nazionali: Dal rapporto emerge un settore composito fatto di tanti settori diversi. E’ una filiera che spazia dalla pesca per passare alla cantieristica, per arrivare al turismo all’attività ricettive, che cresce che dal 2014 ha visto un più 10% di imprese rispetto ad una media complessiva dell’1%. Occorre tener conto dell’economia del mare, dell’importanza di queste risorse per il Mezzogiorno, perché nel sud queste attività pesano di più e contribuiscono ancor di più al reddito e all’occupazione”.

Andrea Benedetto, Università Roma Tre: “Un anno fa, il Dipartimento di ingegneria dell’Università Roma Tre ha inteso istituire presso il polo di Ostia un corso di studi in ingegneria del mare. Abbiamo immatricolato il primo anno quasi 150 studenti. Il corso sta avendo un successo significativo. Registro anche una grande soddisfazione da parte degli studenti legata a profili interdisciplinari che diciamo stiamo coltivando con molta attenzione, integrando gli insegnamenti con cicli di seminari sui temi dell’ecologia del mare piuttosto che dall’archeologia sottomarina o questioni di questo genere”.

Massimo Lo Cicero, economista: “L’Italia è il Paese con il potenziale di crescita maggiore in Europa e nel Mediterraneo nell’economia del mare. La previsione trova conferma nel trend degli ultimi anni che ha fatto registrare cifre record tra il 2014 e il 2017, certificate anche nel Rapporto della Commissione Europea. Poi dal 2017 al 2019 la crescita si è fermata a causa della mancanza di politiche adeguate e investimenti sia a livello nazionale che locale. Il vero problema del nostro Paese è la mancanza di un’infrastruttura solida che supporti lo sviluppo della blue economy. Se sosteniamo lo sviluppo dell’infrastruttura cresceranno con essa tutti i settori legati all’economia del mare: il turismo, innanzitutto, la produzione ittica, la nautica, la portualità ma anche il commercio, l’artigianato, lo sport e le attività del tempo libero”.

Per Giovanni Acampora, presidente Confcommercio Lazio, “Gli ottimi risultati vanno governati con una cabina di regia nazionale che metta a sistema i 7500 km di coste del nostro Paese e che in qualche modo consideri una filiera importante qual è quella delle imprese che lavorano all’interno dell’economia del mare, i beni paesaggistici e archeologici e la cultura”.

AP Communication & Media
Andrea Petrella

ASSONAUTICA ROMANA: NUOVE ENERGIE E PROFESSIONALITÀ

Assonautica Romana, si arricchisce di nuove energie e professionalità per incrementare la propria attività in favore dello sviluppo della nautica da diporto e del turismo nautico. In tal senso il Comitato esecutivo, riunitosi la scorsa settimana nella sede centrale di Roma, ha deciso la cooptazione al proprio interno di alcuni associati: Antonio Bufalari, Legal Counsel del Gruppo Marinedi e Amministratore Delegato del Marina di Capo d’Anzio; Giuseppe Accardi, presidente di Universo Mare; Emanuele Marini, legale rappresentante di Europsat srl. Inoltre, su proposta del presidente Cesare Pambianchi, il Comitato ha affidato all’avv. Bufalari l’incarico di vice presidente e ha varato un’ampia riorganizzazione delle competenze delegate ai vari consiglieri.

Questa la nuova struttura:

CESARE PAMBIANCH I – Presidente
ANTONIO BUFALARI – Vicepresidente – Rapporti istituzionali e sviluppo
GIUSEPPE ACCARDI – Consigliere – Formazione ed eventi
CARLO ENRICO BAZZANI – Consigliere – Rapporti Istituzionali e comunicazione
MATTEO COSTANTINI – Consigliere – Roma Capitale e Tevere
EMANUELE MARINI – Consigliere – Sicurezza in mare
UGO PAMBIANCHI – Consigliere – Sport ed eventi sportivi
CLAUDIO ZAMPETTI – Consigliere – Rapporti con le Imprese
MAURO ZANNINO – Consigliere – Formazione ed internazionalizzazione
CARLO ALESSANDRELLI – Segretario – Mezzi di comunicazione

Come è noto Assonautica Romana si è costituita nel 2007 su iniziativa della Camera di Commercio di Roma e di un folto gruppo di imprenditori e diportisti romani e fa parte di Assonautica Italiana; rappresenta e tutela gli interessi delle varie categorie della filiera nautica favorendone le opportune sinergie.

Nella riunione il presidente Pambianchi ha illustrato l’attuale situazione del mercato nautico nazionale e internazionale, con particolare riguardo alla produzione cantieristica italiana che, al di là dei successi del Salone di Genova e dei principali cantieri capaci di esportare i loro prodotti, risente della stagnazione dei consumi e, in generale, della crisi economica – ma non solo – del Paese. In attesa di tempi migliori occorre comunque ricreare un’atmosfera positiva nei confronti della nautica attraverso una politica di settore fondata sulla promozione della cultura del mare e dell’andar per mare, strettamente legata alla difesa dell’ambiente marino, alle attività sportive e ad una sana gestione del tempo libero. Ciò partendo dai giovani, dalla piccola nautica, dallo sport della vela e della motonautica, dallo sviluppo del turismo nautico in qualità di strutture e servizi (specie al sud).

Su quest’ultimo tema il Comitato ha dibattuto a lungo anche sulla base di una indagine, sia
pur sommaria, compiuta la scorsa estate da alcuni soci diportisti in vari marina e porticcioli
italiani: servizi approssimativi, se non scadenti o addirittura inesistenti, e tariffe alte e molto difformi l’una dall’altra che rendono il nostro sistema, mediamente, non ancora in grado di tenere il passo, qualitativamente parlando, dei concorrenti approdi delle altre nazioni del mediterraneo occidentale.

Da qui la decisione del Comitato di avviare una serie di iniziative operative, a cominciare da un’attività di formazione delle varie figure di operatori nautici, della portualità e del turismo diportistico.